Luxor e Karnak




L'attuale città di Luxor si è sviluppata dalle rovine di Tebe, un tempo capitale del Nuovo Regno. I monumentali templi di Luxor e di Karnak erano famosi in tutto il mondo antico e costituiscono un'attrazione per i viaggiatori fin dall'epoca greco-romana.

Oggi la località moderna è non più di una struttura ricettiva dedicata al turismo. Poiché l'economia locale dipende per la maggior parte dal turismo, gli abitanti di Luxor si dedicano tuttora ai loro templi e alle tombe con la stessa dedizione come lo facevano i loro antenati.

Durante la sua supremazia, Tebe aveva una popolazione di circa un milione di abitanti. L'ampia disponibità di lavoratori e la grande ricchezza derivante dalle loro conquiste, hanno permesso ai tebani di costruire i più imponenti luoghi di culto in onore al loro dio, Amon, assimilato al dio-sole e venerato come Amon-Ra. Edificati sulla sponda orientale del Nilo, questi templi celebravano il sorgere del sole.


Il tempio di Luxor




Fondato dal faraone Amenofi III, il tempio di Luxor era il luogo di cuolto dedicato alla triade tebana degli dei Amon, Mut e Khonsu, che venivano celebrati ogni anno durante lafesta di Opet. Situato in riva al Nilo, nel cuore della moderna Luxor, i suoi grandi colonnati, lo rendono uno dei più straordinari monumenti antichi.

Il tempio di Karnak



Il complesso di Karnak, uno dei monumenti più imponenti mai realizzati dall'architattura dell'eta faraonica, era chiamalo dagl'i antichi egizi "Ipet-Isut": il più perfetto dei luoghi.

Tebe Ovest - la sponda occidentale di Luxor
Attraversando il fiume, sulla riva opposta del Nilo si trova la necropoli di Tebe, uno dei siti archeologici più distesi e più ricchi del mondo. La Tebe Ovest, dove il sole si inabissava ogni sera, era la necropoli di Tebe, dove i faraoni, adorati dai sudditi come dei viventi, fecero costruire i loro monumenti funerari.



Il predominio di Tebe ha durato per circa cinque secoli, fino al termine del Nuovo Regno e l'ultimo dei ramessidi (1069 a.C), quando la capitale divenne di nuovo Menfi. La città ha sopravvisuto durante il peridodo greco-romano, ma all'epoca della conquista araba ha iniziato a decadere. Per gli arabi che vivevano tra le sue rovine sepolte dalla sabbia, Tebe era chiamato semplicemente El- Uqsor (i palazzi), termine dal quale deriva il nome Luxor adottato dagli europei, che riscoprirono i templi della città di Tebe durante il periodo della Spedizione Napoleonica del XVIII secolo. Luxor diventò rapidamente una meta prediletta dei avventurosi viaggiatori europei, e, verso la metà del XIX secolo, i battelli turistici da crociera  si trovavano già sul Nilo.

[Egitto per caso]